T, n. 49

Vai alla scheda

Carte
  • Ir
  • Iv
  • 1r-agg
  • 1v-agg
  • 2r-agg
  • 2v-agg
  • 3r-agg
  • 3v-agg
  • 4r-agg
  • 4v-agg
  • 5r-agg
  • 5v-agg
  • 6r-agg
  • 6v-agg
  • 7r-agg
  • 7v-agg
  • 8r-agg
  • 8v-agg
  • 9r-agg
  • 9v-agg
  • 10r-agg
  • 10v-agg
  • 5r
  • 5v
  • 6r
  • 6v
  • 7r
  • 7v
  • 8r
  • 8v
  • 9r
  • 9v
  • 10r
  • 10v
  • 11r
  • 11v
  • 12r
  • 12v
  • 13r
  • 13v
  • 14r
  • 14v
  • 15r
  • 15v
  • 16r
  • 16v
  • 17r
  • 17v
  • 18r
  • 18v
  • 19r
  • 19v
  • 20r
  • 20v
  • 21r
  • 21v
  • 22r
  • 22v
  • 23r
  • 23v
  • 24r
  • 24v
  • 25r
  • 25v
  • 26r
  • 26v
  • 27r
  • 27v
  • 28r
  • 28v
  • 29r
  • 29v
  • 30r
  • 30v
  • 31r
  • 31v
  • 32r
  • 32v
  • 33r
  • 33v
  • 34r
  • 34v
  • 35r
  • 35v
  • 36r
  • 36v
  • 37r
  • 37v
  • 38r
  • 38v
  • 39r
  • 39v
  • 40r
  • 40v
  • 41r
  • 41v
  • 42r
  • 42v
  • 43r
  • 43v
  • 44r
  • 44v
  • 45r
  • 45v
  • 45r-agg_1
  • 45v-agg_1
  • 45r-agg_2
  • 45v-agg_2
  • 45r-agg_3
  • 45v-agg_3
  • 45r-agg_4
  • 45v-agg_4
  • 46r
  • 46v
  • 47r
  • 47v
  • 48r
  • 48v
  • 49r
  • 49v
  • 50r
  • 50v
  • 51r
  • 51v
  • 52r
  • 52v
  • 53r
  • 53v
  • 54r
  • 54v
  • 55r
  • 55v
  • 56r
  • 56v
  • 57r
  • 57v
  • 58r
  • 58v
  • 59r
  • 59v
  • 60r
  • 60v
  • 61r
  • 61v
  • 62r
  • 62v
  • 63r
  • 63v
  • 64r
  • 64v
  • 65r
  • 65v
  • 66r
  • 66v
  • 67r
  • 67v
  • 68r
  • 68v
  • 69r
  • 69v
  • 70r
  • 70v
  • 71r
  • 71v
  • 72r
  • 72v
  • 73r
  • 73v
  • 74r
  • 74v
  • 75r
  • 75v
  • 76r
  • 76v
  • 77r
  • 77v
  • 78r
  • 78v
  • 79r
  • 79v
  • 80r
  • 80v
  • 81r
  • 81v
  • 82r
  • 82v
  • 83r
  • 83v
  • 84r
  • 84v
  • 85r
  • 85v
  • 86r
  • 86v
  • 87r
  • 87v
  • 88r
  • 88v
  • 89r
  • 89v
  • 90r
  • 90v
  • 91r
  • 91v
  • 92r
  • 92v
  • 93r
  • 93v
  • 94r
  • 94v
  • 95r
  • 95v
  • 96r
  • 96v
  • 97r
  • 97v
  • 98r
  • 98v
  • 99r
  • 99v
  • 100r
  • 100v
  • 101r
  • 101v
  • 102r
  • 102v
  • 103r
  • 103v
  • 104r
  • 104v
  • 105r
  • 105v
  • 106r
  • 106v
  • 107r
  • 107v
  • 108r
  • 108v
  • 109r
  • 109v
  • 110r
  • 110v
  • 111r
  • 111v
  • 112r
  • 112v
  • 113r
  • 113v
  • 114r
  • 114v
  • 115r
  • 115v
  • 116r
  • 116v
  • 117r
  • 117v
  • 118r
  • 118v
  • 119r
  • 119v
  • 120r
  • 120v
  • 121r
  • 121v
  • 122r
  • 122v
  • 123r
  • 123v
  • 124r
  • 124v
  • 125r
  • 125v
  • 126r
  • 126v
  • 127r
  • 127v
  • 128r
  • 128v
  • 129r
  • 129v
  • 130r
  • 130v
  • 131r
  • 131v
  • 132r
  • 132v
  • 133r
  • 133v
  • 134r
  • 134v
  • 135r
  • 135v
  • 136r
  • 136v
  • 137r
  • 137v
  • 138r
  • 138v
  • 139r
  • 139v
  • 140r
  • 140v
  • 141r
  • 141v
  • 142r
  • 142v
  • 143r
  • 143v
  • 144r
  • 144v
  • 145r
  • 145v
  • 146r
  • 146v
  • 147r
  • 147v
  • 148r
  • 148v
  • 149r
  • 149v
  • 150r
  • 150v
  • 151r
  • 151v
  • 152r
  • 152v
  • 153r
  • 153v
  • 154r
  • 154v
  • 155r
  • 155v
  • 156r
  • 156v
  • 157r
  • 157v
  • 158r
  • 158v
  • 159r
  • 159v
  • 160r
  • 160v
  • 161r
  • 161v
  • 162r
  • 162v
  • 163r
  • 163v
  • 164r
  • 164v
  • 165r
  • 165v
  • 166r
  • 166v
  • 167r
  • 167v
  • 168r
  • 168v
  • 169r
  • 169v
  • 170r
  • 170v
  • 171r
  • 171v
  • 172r
  • 172v
  • 173r
  • 173v
  • 174r
  • 174v
  • 175r
  • 175v
  • 176r
  • 176v
  • 177r
  • 177v
  • 178r
  • 178v
  • 179r
  • 179v
  • 180r
  • 180v

T, n. 49
Graduale, Antifonario
Antifonario e Graduale parziali

Caratteristiche codicologiche

Segnatura: T, n. 49

Segnatura vecchia: T

Segnatura 1952: n. 49

Data: 1700 - 1899 (attribuzione stilistica)

Provenienza: Duomo

Materiale: cartaceo (1-10, 45A-45D; filigrana: G. C. Cini) e membranaceo (4-180)

Misure: cart: mm 661 x 474 (c. 5r); membr: mm 635 x 479 (c. 15r); mm 658 x 493 (c. 47r)

Carte: cc. II + 190 + I' (carte di guardia: cc. I e I' cartacee moderne di restauro (sec. XX), c. II membranacea sulla quale è scritta la rubrica iniziale (sec. XIX) ed è numerata IV a penna e I da mano moderna a matita (sec. XX); acefalo delle prime 3 carte

Numerazione: presenza di varie numerazioni: le prime dieci carte cartacee sono numerate a matita da mano moderna (sec. XX) in cifre arabe nell'angolo superiore esterno (1-10), segue una numerazione in cifre romane a penna e inchiostro nero al centro del margine esterno che parte da 5 e giunge fino a 45, seguono 4 carte cartacee con la doppia numerazione 45A-45D e 1-8 (recto-verso) entrambe di mano moderna a matita (sec. XX) nell'angolo superiore esterno, nelle successive carte membranacee riparte la precedente numerazione (46-180)

Fascicolazione: 1 (5), 2 (6), 3 (8), 4 (7), 5 (8), 6-8 (6), 9 (4), 10-20 (6), 21 (5), 22 (6), 23-26 (4), 27-29 (6), 30 (4), 31 (6), 32 (8), 33 (6), al primo fascicolo è solidale la carta di guardia membranacea, il fascicolo 2 è cartaceo del XIX secolo, il fascicolo 4 è mancante di una carta nella prima metà, al fascicolo 5 finisce la parte del XVIII secolo, il fascicolo 9 è cartaceo del XIX secolo, il fascicolo 21 è mancante della prima carta

Specchio scrittura: mm 70 [511] 80 x 62 [342] 70 (c. 5r); mm 65 [465] 105 x 55 [354] 70 (c. 15r); mm 63 [491] 104 x 80 [301] 112 (c. 47r); rr. 24/ll. 4 + 4 tetragrammi (cc. 5r, 15r, 47r)

Notazione musicale: quadrata nera su tetragramma rosso

Scrittura

Littera textualis di diverse mani, ciascuna per ogni parte che compone il codice: mano del XIX secolo nei fascicoli cartacei che utilizza timbri per le lettere (cc. 1r-9v), mano del XVIII secolo (cc. 4, 5r-27v, 167r-180r), mano principale (sec. XVII?; cc. 28r-90r), altra probabile mano (cc. 91v-143v), altra mano (cc. 144r-146v), ultima mano (cc. 147r-166v); annotazioni di carattere liturgico al margine delle cc. 29v e 126r

Legatura

mm 720 x 510 x 145; originale e di restauro; assi rivestite di cuoio marrone in parte originale con incisioni lineari; su entrambi i piatti: cantonali e borchie centrali in ottone a sbalzo; cartellino membranaceo profilato in metallo sul piatto posteriore con la segnatura "T"; due bindelle con tenoni; puntali e 7 nervi sul dorso

Restauri

Data: 12 novembre 1966 - dicembre 1969

Laboratorio: Istituto Restauro del Libro della Città del Vaticano

Note:

Arresto del processo di decomposizione; gli interventi risultarono insufficienti per la salvaguardia del Corale.

Data: 15 dicembre 1969 - 28 maggio 1975

Laboratorio: Istituto per la Patologia del Libro "Alfonso Gallo" di Roma

Note:

Al momento del restauro, il codice presentava danni rilevanti alle legature (rigonfiamenti, rottura di assi, distacco e perdita parziale di alcune coperte), gravissime ondulazioni, deformazioni ed irrigidimento delle pergamene, diffuso attacco di microrganismi sulle legature e sui fogli, sbiadimento e dilavamento dei colori, distacco dei colori dai fogli originali e loro passaggio agli interfogli, incollamento dei fogli originali sugli interfogli. Si rese quindi necessario il distacco delle carte dalle legature e la pulitura delle medesime; la deumidificazione, la disinfezione a causa degli attacchi da microrganismi; dopo questo primo intervento, il codice venne finito di restaurare nel laboratorio fiorentino.

Data: 2 ottobre 1996 - 11 giugno 1997

Laboratorio: Ditta Masi

Note:

Al momento del restauro, realizzato grazie ai finanziamenti dell'Opera di Santa Maria del Fiore, le carte si presentavano molto rovinate, fragili, corrose da muffa, attaccate tra di loro e mancanti di pezzi; durante l'intervento si è resa necessaria la scucitura e il fissaggio dei colori; le carte bianche messe dopo l'alluvione come interfogliamento erano talmente attaccate da dover essere rimosse con il bisturi. Le carte sono state lavate, ammorbidite e stirate; le parti mancanti sono state reintegrate con carta giapponese e tutte le carte sono state imbrachettate. Infine, il codice è stato ricucito come in origine, rilegato in tutta pelle nuova con assicelle interne; dopo essere stati puliti e restaurati, sono stati rimessi i bulloni, le borchie originali e sono state rifatte le bindelle.

Stato di conservazione

Buono stato di conservazione; restaurato poiché parzialmente danneggiato in seguito all'alluvione del 1966

Descrizione interna

Miniatura di pennello:

3 iniziali figurate

4 iniziali decorate

Miniatura di penna:

259 iniziali filigranate

42 iniziali rubricate

Le iniziali figurate, di fattura settecentesca, hanno il campo delimitato a pennello e un breve fregio anch'esso realizzato a tempera.

Le iniziali decorate sono tutte di epoca tarda nel fascicolo cartaceo, sono realizzate a tempera e riprendono forme architettoniche gotiche.

Le iniziali filigranate sono riconducibili ad almeno tre gruppi appartenenti ad epoche diverse: le 170 più antiche, probabilmente del XVI-XVII secolo, (es. A(scendit) di mm 112 x 105 a c. 31v), hanno il corpo rosso o azzurro fesso con decorazioni geometriche o fitomorfe a risparmio, il fondo e il campo sono di colore opposto a quello del corpo e presentano decorazioni fitomorfe stilizzate; un altro gruppo (40 iniziali alle cc. 5r-27v, 167v-179r) appartiene al XVIII secolo e, similmente a quelle trovate in altri codici della stessa epoca e dello stesso fondo, hanno decorazioni fitomorfe molto semplici realizzate da una mano piuttosto incerta; il terzo gruppo include le 12 iniziali presenti nel fascicolo cartaceo (cc. 1-10), databile almeno alla fine del XIX secolo, che imitano in modo rigoroso le filigranate rinascimentali; 9 filigranate, di epoche diverse, hanno decorazioni sul fondo.

37 iniziali filigranate sono di misura piccola (cc. 5r-27v, 41r-v, 61v-62r, 163r-166r); le iniziali rubricate hanno il corpo realizzato a penna e inchiostro rosso o azzurro (cc. 111r-v, 114v-116v, 128v-129v, 134v-138v, 160r).

Lettere grosse in inchiostro nero.

Notizie storico-critiche

Nell’Inventario dell’Archivio Musicale dell’Opera (1958, p. 26) il manoscritto è datato al XVI secolo ma la mano del decoratore dei primi fascicoli è del XVIII secolo per analogia con le miniature di altri codici dello stesso fondo.

Alla parte originale del codice, membranacea numerata cc. 28-180 (fasc. 6-8, 10-33) in cifre romane, potrebbero essere state aggiunte una prima parte membranacea del XVIII secolo priva delle prime tre carte (cc. 4-27: fasc. 3-5), due parti cartacee del XIX secolo di dieci carte all'inizio del codice (cc. 1-10: fasc. 1-2) e di quattro carte tra le cc. 45 e 46 (fasc. 9). Il codice è riportato, con la segnatura della lettera T e i contenuti, nell'Inventario del 1822 (AOSMF, XI-8-1, n. 19; per la trascrizione cfr. Tacconi 1999, pp. 373-376).

La mano che ha realizzato le tre iniziali figurate alle cc. 5r con San Giuseppe, c. 22v con Putti alati e c. 167r con San Raffaele arcangelo potrebbe essere la stessa delle miniature nei Corali F.6 n. 32, Cor. I.9 n. 33, Cor. H.8 n. 45, Cor. U n. 46, X n. 47 che riportano tutte datazioni riferibili agli anni '30-'40 del Settecento e che potrebbe essere identificata in quella di Giovanni Pietro Benini che firma il Corale U n. 46 a c. IIr come scrittore e decoratore.

Fonti

Riferimento: AOSMF, Inventario dell’Archivio Musicale dell’Opera, sala di studio, edizione dattiloscritta 1958, p. 26

Riferimento: AOSMF, XI-8-1, n. 19

Bibliografia

Sigla: Tacconi | 1999

Riferimento: M. S. Tacconi, Liturgy and Chant at the Cathedral of Florence: A Survey of the Pre-Tridentine Sources (Tenth-Sixteenth Centuries), Ph. D. Dissertation, Yale University 1999

Pagine: p. 373