M.2, n. 1

Vai alla scheda

Carte
  • Ar
  • Av
  • 14r
  • 14v
  • 15r
  • 15v
  • 16r
  • 16v
  • 17r
  • 17v
  • 18r
  • 18v
  • 19r
  • 19v
  • 20r
  • 20v
  • 21r
  • 21v
  • 22r
  • 22v
  • 23r
  • 23v
  • 24r
  • 24v
  • 25r
  • 25v
  • 26r
  • 26v
  • 27r
  • 27v
  • 28r
  • 28v
  • 29r
  • 29v
  • 30r
  • 30v
  • 31r
  • 31v
  • 32r
  • 32v
  • 33r
  • 33v
  • 34r
  • 34v
  • 35r
  • 35v
  • 36r
  • 36v
  • 37r
  • 37v
  • 38r
  • 38v
  • 39r
  • 39v
  • 40r
  • 40v
  • 41r
  • 41v
  • 42r
  • 42v
  • 43r
  • 43v
  • 44r
  • 44v
  • 45r
  • 45v
  • 46r
  • 46v
  • 47r
  • 47v
  • 48r
  • 48v
  • 49r
  • 49v
  • 50r
  • 50v
  • 51r
  • 51v
  • 52r
  • 52v
  • 53r
  • 53v
  • 54r
  • 54v
  • 55r
  • 55v
  • 56r
  • 56v
  • 57r
  • 57v
  • 58r
  • 58v
  • 59r
  • 59v
  • 60r
  • 60v
  • 61r
  • 61v
  • 62r
  • 62v
  • 63r
  • 63v
  • 64r
  • 64v
  • 65r
  • 65v
  • 66r
  • 66v
  • 67r
  • 67v
  • 68r
  • 68v
  • 69r
  • 69v
  • 70r
  • 70v
  • 71r
  • 71v
  • 72r
  • 72v
  • 73r
  • 73v
  • 74r
  • 74v
  • 75r
  • 75v
  • 76r
  • 76v
  • 77r
  • 77v
  • 78r
  • 78v
  • 79r
  • 79v
  • 80r
  • 80v
  • 81r
  • 81v
  • 82r
  • 82v
  • 83r
  • 83v
  • 84r
  • 84v
  • 85r
  • 85v
  • 86r
  • 86v
  • 88r
  • 88v
  • 89r
  • 89v
  • 90r
  • 90v
  • 91r
  • 91v
  • 92r
  • 92v
  • 93r
  • 93v
  • 94r
  • 94v
  • 95r
  • 95v
  • 96r
  • 96v
  • 97r
  • 97v
  • 98r
  • 98v
  • 99r
  • 99v
  • 100r
  • 100v
  • 101r
  • 101v
  • 102r
  • 102v
  • 103r
  • 103v
  • 104r
  • 104v
  • 105r
  • 105v
  • 106r
  • 106v
  • 107r
  • 107v
  • 108r
  • 108v
  • 109r
  • 109v
  • 110r
  • 110v
  • 111r
  • 111v
  • 112r
  • 112v
  • 113r
  • 113v
  • 114r
  • 114v
  • 115r
  • 115v
  • 116r
  • 116v
  • 117r
  • 117v
  • 118r
  • 118v
  • 119r
  • 119v
  • 120r
  • 120v
  • 121r
  • 121v
  • 122r
  • 122v
  • 123r
  • 123v
  • 124r
  • 124v
  • 125r
  • 125v
  • 126r
  • 126v
  • 127r
  • 127v
  • 128r
  • 128v
  • 129r
  • 129v
  • 130r
  • 130v
  • 131r
  • 131v
  • 132r
  • 132v
  • 133r
  • 133v
  • 134r
  • 134v
  • 135r
  • 135v
  • 136r
  • 136v
  • 137r
  • 137v
  • 138r
  • 138v
  • 139r
  • 139v
  • 140r
  • 140v
  • 141r
  • 141v
  • 142r
  • 142v
  • 143r
  • 143v
  • 144r
  • 144v
  • 145r
  • 145v
  • 146r
  • 146v
  • 147r
  • 147v
  • 148r
  • 148v
  • 149r
  • 149v
  • 150r
  • 150v
  • 151r
  • 151v
  • 152r
  • 152v
  • 153r
  • 153v
  • 154r
  • 154v
  • 155r
  • 155v
  • 156r
  • 156v
  • 157r
  • 157v
  • 158r
  • 158v
  • 159r
  • 159v
  • 160r
  • 160v
  • 161r
  • 161v
  • 162r
  • 162v
  • 163r
  • 163v
  • 164r
  • 164v
  • 165r
  • 165v
  • 166r
  • 166v
  • 167r
  • 167v
  • 168r
  • 168v
  • 169r
  • 169v
  • 170r
  • 170v
  • 171r
  • 171v
  • 172r
  • 172v
  • 173r
  • 173v
  • 174r
  • 174v
  • 175r
  • 175v
  • 176r
  • 176v
  • 177r
  • 177v
  • 178r
  • 178v
  • 179r
  • 179v
  • 180r
  • 180v
  • 181r
  • 181v
  • 182r
  • 182v
  • 183r
  • 183v
  • 184r
  • 184v
  • 185r
  • 185v
  • 186r
  • 186v
  • 187r
  • 187v
  • 188r
  • 188v
  • 189r
  • 189v
  • 190r
  • 190v
  • 191r
  • 191v
  • 192r
  • 192v
  • 193r
  • 193v
  • 194r
  • 194v
  • 195r
  • 195v
  • 196r
  • 196v
  • 197r
  • 197v
  • 198r
  • 198v
  • 199r
  • 199v
  • 200r
  • 200v
  • 201r
  • 201v
  • 202r
  • 202v
  • 203r
  • 203v
  • 204r
  • 204v
  • 205r
  • 205v
  • 206r
  • 206v
  • 207r
  • 207v
  • 208r
  • 208v
  • 209r
  • 209v
  • 210r
  • 210v
  • 211r
  • 211v
  • 212r
  • 212v
  • 213r
  • 213v
  • 214r
  • 214v
  • 215r
  • 215v
  • 216r
  • 216v
  • 217r
  • 217v
  • 218r
  • 218v
  • 219r
  • 219v
  • 220r
  • 220v
  • 221r
  • 221v
  • 222r
  • 222v
  • 223r
  • 223v
  • 224r
  • 224v
  • 225r
  • 225v
  • 226r
  • 226v
  • 227r
  • 227v
  • 228r
  • 228v
  • 229r
  • 229v
  • 230r
  • 230v
  • 231r
  • 231v
  • 232r
  • 232v
  • 233r
  • 233v
  • 234r
  • 234v
  • 235r
  • 235v
  • 236r
  • 236v
  • 237r
  • 237v
  • 238r
  • 238v
  • 239r
  • 239v
  • 240r
  • 240v
  • 241r
  • 241v
  • 242r
  • 242v
  • 243r
  • 243v
  • 244r
  • 244v
  • 245r
  • 245v
  • 246r
  • 246v
  • 247r
  • 247v
  • 248r
  • 248v
  • 249r
  • 249v
  • 250r
  • 250v
  • 251r
  • 251v
  • 252r
  • 252v
  • 253r
  • 253v
  • 254r
  • 254v
  • 255r
  • 255v
  • 256r
  • 256v
  • 257r
  • 257v
  • 258r
  • 258v
  • 259r
  • 259v
  • 260r
  • 260v
  • 261r
  • 261v
  • 262r
  • 262v
  • 263r
  • 263v
  • 264r
  • 264v
  • 265r
  • 265v
  • 266r
  • 266v
  • 267r
  • 267v
  • 268r
  • 268v
  • 269r
  • 269v
  • 270r
  • 270v
  • 271r
  • 271v
  • 272r
  • 272v
  • 273r
  • 273v
  • 274r
  • 274v
  • 275r
  • 275v
  • 276r
  • 276v
  • 277r
  • 277v
  • 278r
  • 278v

M.2, n. 1
Graduale
Graduale per tutto l'anno liturgico per il Proprio dei santi, il Comune dei santi, il Kyriale e l'Ufficio per i defunti

Caratteristiche codicologiche

Segnatura: M.2, n. 1

Segnatura vecchia: M.2

Segnatura 1952: n. 1

Data: 1310 - 1331 (circa)

Provenienza: Santa Reparata

Materiale: membranaceo

Misure: mm 530 x 355 (c. 22r)

Carte: cc. I + 265 + I’ (cc. 1-13, 87 mancanti; carte di guardia cartacee moderne)

Numerazione: in cifre romane a penna e inchiostro nero al centro del margine esterno; moderna a matita in cifre arabe nel margine esterno o nel margine inferiore

Fascicolazione: 1(4), 2(5), 3-10(8), 11(7), 12-18(8), 19(6), 20(9), 21-27(8), 28(5), 29(2), 30(8), 31(2), 32-34(8), 35(4), 36(7), 37-38(3)

Specchio scrittura: mm 42 [375] 113 x 43 [9/223/8] 72 (c. 22r); rr. 36/ll. 6 + 6 tetragrammi (c. 22r)

Notazione musicale: quadrata nera su tetragramma rosso

Scrittura

Littera textualis di una sola mano

Legatura

mm 580 x 380 x 140; di restauro; assi rivestite in cuoio marrone con fornimenti originali in bronzo: cantonali polilobati e borchia centrale polilobata in entrambi i piatti; due bindelle con fibbie e tenoni, 6 nervi sul dorso, puntali

Restauri

Data: 12 novembre 1966 - dicembre 1969

Laboratorio: Istituto Restauro del Libro della Città del Vaticano

Note:

Arresto del processo di decomposizione; gli interventi risultarono insufficienti per la salvaguardia del Corale.

Data: 15 dicembre 1969 - 28 maggio 1975

Laboratorio: Istituto per la Patologia del Libro "Alfonso Gallo" di Roma

Note:

Al momento del primo intervento di restauro, finanziato dallo Stato, il codice presentava danni rilevanti alle legature (rigonfiamenti, rottura di assi, distacco e perdita parziale di alcune coperte), gravissime ondulazioni, deformazioni ed irrigidimento delle pergamene, diffuso attacco di microrganismi sulle legature e sui fogli, sbiadimento e dilavamento dei colori, distacco dei colori dai fogli originali e loro passaggio agli interfogli, incollamento dei fogli originali sugli interfogli. Si rese quindi necessario il distacco delle carte dalle legature e la pulitura delle medesime; la deumidificazione, la disinfezione a causa degli attacchi da microrganismi.

Data: 16 aprile 1980 - 12 marzo 1981

Laboratorio: Ditta Masi

Note:

Al momento del restauro, finanziato dal Dipartimento Istruzione e Cultura della Regione Toscana - Servizio Beni Librari, le carte si presentavano molto rovinate, fragili, corrose da muffa, attaccate tra di loro e mancanti di pezzi. In generale, durante quest'ultimo intervento, è stato eseguito il controllo della numerazione, l'incisione con bisturi della cucitura, il distacco delle sezioni con stecca d'osso, la sfascicolazione dei quaderni, la loro scucitura e il fissaggio dei colori; le carte bianche messe dopo l'alluvione come interfogliamento erano talmente attaccate da dover essere rimosse con il bisturi. Le carte membranacee sono state lavate, ammorbidite e stirate; le parti mancanti sono state reintegrate con carta giapponese e tutte le carte sono state imbrachettate, riformando i quaderni come in origine. Infine, il codice è stato ricucito "alla cappuccina" con otto corde doppie, rilegato in tutta pelle di vitello nuova con assicelle interne, sono stati rimessi gli angoli, le placche centrali e i chiodi originali, dopo essere stati puliti e restaurati, e sono state rifatte le bindelle.

Stato di conservazione

Buono stato di conservazione; restaurato a causa dei numerosi danni riportati in seguito all’alluvione del 1966

Descrizione interna

Miniatura di pennello:

7 iniziali istoriate

20 iniziali figurate

31 iniziali decorate

Miniatura di penna:

34 iniziali filigranate medie

645 iniziali filigranate piccole

Le iniziali istoriate e le figurate sono caratterizzate dal campo per la maggior parte dei casi azzurro o in foglia d’oro e dal corpo decorato con foglie lanceolate che vanno a formare la coda, spesso decorata con bottoncini dorati e animali fantastici.

Le iniziali decorate fogliate sono interamente realizzate a tempera con il campo quadrangolare, il corpo decorato con foglie lanceolate e una breve coda.

Le iniziali filigranate medie (es. D(esiderium) di mm 75 x 80 a c. 50r) hanno il corpo rifesso azzurro e rosso, fondo e campo alternati con entrambi i colori con decorazioni geometriche e fitomorfe stilizzate.

Le iniziali filigranate piccole (es. P(redica) di mm 45 x 30 a c. 42r) hanno il corpo azzurro o rosso, il fondo e il campo di colore opposto a quello del corpo con decorazioni geometriche e fitomorfe stilizzate.

Contenuto liturgico:

Il codice, preceduto dall’Indice (c. ar-av), contiene il Graduale per l'intero anno liturgico con l’Ufficio diurno per il Proprio dei santi (cc. 1r-107r), il Comune dei santi (cc. 107r-215v), alcune messe votive (cc. 216r-237v), il Kyriale (cc. 238r-262r), il Gloria (cc. 262r-270r) e l’Ufficio per i morti (cc. 271r-277r).

Notizie storico-critiche

Nell’Inventario dell’Archivio Musicale dell’Opera (1958, pp. 19-20) il codice è datato al XIV secolo ed è attribuito al Maestro Daddesco in una nota recente aggiunta poiché precedentemente non aveva alcun riferimento all'autore. Nell'elenco delle miniature non risultano alcune iniziali figurate di piccole dimensioni, come quelle alle cc. 48r, 62r, 190v, mentre è ancora indicata la miniatura mancante a c. 87 con l'Assunzione.

Il codice fa parte dei quattro manoscritti, che originariamente dovevano essere un gruppo di 23 codici tra graduali e antifonari, citati come "Antiphanare" nell'Inventario delle cose che s'apartenghono alla sagrestia di sancta Reparata del 1418. Il Graduale è citato come "I° antiphanare festivo bello chomincia per sancto Andrea e finisce ne chiri della donna" (AOSMF, I-3-10, c. 23r, n. 68; per la trascrizione cfr. Tacconi 1999, pp. 333-337) e infatti si conclude con un canto dedicato alla Vergine (c. 261r).

Tutti i cicli corali, o quanto di loro rimane ora conservato in Archivio, sono abbondantemente citati negli Inventari, in particolare nell'Inventario dei libri di coro del 1663 (AOSMF, V-3-39, pp. 31-32 n. 31; per la trascrizione cfr. Tacconi 1999, pp. 341-369), dove è fornita una breve descrizione dei contenuti e di tutte le iniziali miniate in ciascun codice, l'Inventario del 1822 (AOSMF, XI-8-1, n. 36; per la trascrizione cfr. Tacconi 1999, pp. 373-376), dove ne vengono dati i contenuti e la segnatura in lettere che ne segue la successione all'interno dell'anno liturgico, e l'Inventario dei libri di coro del 1862 (AOSMF, XI-8-4; per la trascrizione cfr. Tacconi 1999, pp. 377-378) dove vengono riportate le attribuzioni del Milanesi relative ai miniatori che realizzarono il ciclo cinquecentesco. Per quanto riguarda il Graduale M.2, n. 1, nell'Inventario del 1663 non ne viene fornita una descrizione completa di tutte le iniziali miniate e in quello del 1822 era inventariato come M2; non si trova citato nell'Inventario del 1862.

Il Messale venne realizzato durante quel periodo di transizione in cui era già aperto il cantiere per la costruzione della nuova cattedrale, con la facciata arnolfiana probabilmente già eretta, ma era ancora in uso la vecchia cattedrale di Santa Reparata per le celebrazioni liturgiche. Qui aveva sede anche l'importante scuola episcopale e il libro, come ha sottolineato Ada Labriola (2004 p. 184) rappresenta la massima espressione della cultura ecclesiastica; di conseguenza, proprio il vescovato poteva essere il committente di un nuovo ciclo liturgico. Il Messale M.2, n. 1 rappresenta, quindi, uno degli ultimi tre manoscritti rimasti tra quelli miniati (insieme all'Antifonario L.2, n. 2 e al Messale Edili 107 della Biblioteca Laurenziana) nel primo trentennio del Trecento e facenti parte di un ciclo probabilmente realizzato in seguito ad un rinnovato interesse per il culto di san Zanobi che culminerà con l'esumazione del corpo nel 1331 (Tacconi 1997, pp. 70-72). I tre manoscritti sono comunque posteriori al 1310 poiché seguono la Liturgia Romana che fu adottata a Firenze dopo la riforma liturgica voluta dal vescovo Antonio D'Orso che incentivò il culto di Maria e dei santi fiorentini (Tacconi 1997, pp. 70-72; 2005, p. 139) i quali trovano ampio spazio all'interno delle miniature (San Zanobi a c. 65v, San Lorenzo a c. 85r). Termine ante quem può essere assurto proprio l'anno 1331 poiché rappresenta il momento in cui la cogestione comunale ed ecclesiastica assegnò all'Arte della Lana la responsabilità dell'Opera di Santa Maria del Fiore ma nel codice non compaiono gli stemmi con l'Agnus Dei che sono invece numerosi nei fregi dei Corali del ciclo cinquecentesco.

Il codice è stato attribuito al Maestro Daddesco da Marica Tacconi (2000 p. 165) in seguito ad un confronto con altri manoscritti riferiti alla mano del Maestro: il Messale Edili 107 (Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana), il Graduale Cor. A (Roma, Santa Croce in Gerusalemme) e l'Antifonario MS 178 della Beinecke Rare Book and Manuscript Library (Yale University, New Haven CT); di quest'ultimo particolarmente interessante è il confronto con la scena della Natività di Cristo che riproduce in entrambi i manoscritti la stessa impostazione iconografica. L'attribuzione, supportata anche dal confronto con il Messale L.2, n. 2 già riferito al Maestro Daddesco da Miklos Boskovits (1984, pp. 12-79), è stata in seguito condivisa da Ada Labriola (2004 p. 184).

I contenuti del Graduale coprono tutto l'anno liturgico ma riguardano soltanto gli incipit degli Introiti dei canti e quindi molte parti dovevano essere ricordate a memoria: secondo la Tacconi (1999, p. 156) questo potrebbe essere dovuto al fatto che i testi e la musica dovevano far parte di una tradizione liturgica ormai consolidata; infatti, soltanto le messe per le feste principali sono nella versione integrale e ad esse corrispondono anche le miniature più grandi.

Fonti

Riferimento: AOSMF, Inventario dell’Archivio Musicale dell’Opera, sala di studio, edizione dattiloscritta 1958, pp. 19-20

Riferimento: AOSMF, I-3-10, c. 23r, n. 68

Riferimento: AOSMF, II-1-90, c. 135

Riferimento: AOSMF, XI-8-1, n. 36

Riferimento: AOSMF, V-3-39, pp. 31-32 n. 31

Bibliografia

Sigla: Boskovits | 1984

Riferimento: M. Boskovits, The painters of the miniaturist tendency. A critical and historical corpus of Florentine painting: The Fourteenth Century, vol. 3, 9, Firenze 1984

Pagine: pp. 12-79

Sigla: Tacconi | 1997

Riferimento: M. S. Tacconi, Secundum consuetudinem Romanae Curiae in Maiori Ecclesia florentina: i codici liturgici della Cattedrale di Firenze, in I libri del Duomo di Firenze. Codici liturgici e Biblioteca di Santa Maria del Fiore (secoli XI-XVI), a cura di L. Fabbri e M. Tacconi, Firenze 1997

Pagine: pp. 65-78

Sigla: I libri del Duomo di Firenze | 1997

Riferimento: I libri del Duomo di Firenze. Codici liturgici e Biblioteca di Santa Maria del Fiore (secoli XI-XVI), a cura di L. Fabbri e M. Tacconi, Firenze 1997

Pagine: pp. 191, 216

Sigla: Tacconi | 1999

Riferimento: M. S. Tacconi, Liturgy and Chant at the Cathedral of Florence: A Survey of the Pre-Tridentine Sources (Tenth-Sixteenth Centuries), Ph. D. Dissertation, Yale University, 1999

Pagine: pp. 154-156, 336, 361-362, 374

Sigla: Tacconi | 2000

Riferimento: M. S. Tacconi, The Maestro Daddesco and the Cathedral of Florence: a new manuscript, 'The Burlington Magazine', 142, 2000

Pagine: pp. 165-170

Sigla: Tacconi | 2001

Riferimento: M. S. Tacconi, I Libri Corali pre-Tridentini della Cattedrale di Firenze in Atti del VII centenario del Duomo di Firenze. III. "Cantate Domino". Musica nei secoli per il Duomo di Firenze, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Firenze, 23-25 maggio 1997) a cura di P. Gargiulo, G. Giacomelli, C. Gianturco, Firenze 2001

Pagine: pp. 37-54

Sigla: Labriola | 2004

Riferimento: A. Labriola, Aspetti della miniatura a Firenze nella seconda metà del Duecento in L'arte a Firenze nell'età di Dante (1250-1300), catalogo della mostra (Firenze, Galleria dell'Accademia, 1 giugno - 29 agosto 2004) a cura di A. Tartuferi, M. Scalini, Firenze 2004, pp. 184-191

Pagine: pp. 184-191

Sigla: Tacconi | 2005

Riferimento: M. S. Tacconi, Cathedral and civic ritual in Late Medieval and Renaissance Florence: the service books of Santa Maria del Fiore, New York 2005

Pagine: pp. 9, 15, 19, 139, 221

Sigla: Giacomelli | 2016

Riferimento: S. Giacomelli, scheda n. 24, in Firenze 1966-2016. La bellezza salvata catalogo della mostra (Firenze, 30 novembre 2016 - 26 marzo 2017) a cura di C. Acidini, E. Capretti, Livorno 2016

Pagine: pp. 200-201